domenica 24 giugno 2012

Un codice a barre per i bambini


Fareste impiantare un microchip identificativo a vostro figlio? Secondo Elizabeth Moon, scrittrice di fantascienza texana, sarebbe una buona idea perché faciliterebbe il riconoscimento individuale, senza i costi e i tempi d’attesa dell’esame del DNA.
Non è la prima volta che si discute di una simile possibilità e nel 2002 la Food and Drug Administration approvò un sistema identificativo impiantabile. Si chiamava VeriChip ma nel 2010 il programma viene abbandonato per paura che la sicurezza e la privacy fossero in pericolo.
Alla fine del maggio scorso Moon dichiara alla BBC: “se fossi l’imperatrice dell’Universo insisterei nel fornire ciascun individuo di un sistema identificativo permanente, una specie di codice a barre”.

la Lettura #32, domenica 24 giugno.